Guardavo fuori dalla finestra dell'ambulatorio, il cielo era di un azzurro emozionante, mentre l'oncologo mi spiegava i dettagli della chemio che avrei iniziato il giorno successivo... e pensavo a come fosse possibile un cielo di un azzurro simile in una giornata così grigia per me...

domenica 31 agosto 2014

...Laboratorio di scrittura espressiva ......

Una bella e importante iniziativa per i pazienti dell'Irst di Meldola
è il laboratorio di scrittura espressiva.
Ho partecipato all'ultimo organizzato a maggio in 4 incontri  
su suggerimento della psicologa dell'irst che mi segue.
E' stata un'esperienza bellissima
che annoto fra le cose belle che mi sono capitate dopo aver incontrato il cancro.
Ricordo il primo incontro, si sono presentate le altre
partecipanti, loro già si conoscevano, io ero la novellina, la più "recente" ancora 
invischiata nella malattia...
poi guidate della dott.ssa T. abbiamo iniziato a scrivere nel 
nostro quadernetto le emozioni che ci venivano in mente...
Ricordo che il brano "guida"  da lei letto era una poesia
"Preferisco"
...
E , io ho iniziato a scrivere, avrei voluto descrivere cose positive 
ma lasciando libera la mente e il cuore di "scrivere"  quello  che
sentivo ho impresso sulla carta tutte le angosce del momento.
....
Nel leggere ciò che avevo scritto , ho pianto, ho letto piangendo
ma sono voluta arrivare fino in fondo a quello che avevo scritto 
perchè volevo condividere con le altre queste mie paure, questi miei stati 
d'animo che difficilmente avrei potuto condividere con altri...
e allora a questo punto
è successa una cosa bellissima:
M. mi ha preso le mie mani nelle sue e tutte le altre hanno messo le 
loro mani sopra :
un gesto semplice ma che racchiude un significato grandissimo
non sono sola.
Ricordo gli altri incontri con tanto affetto per ognuna di loro, per la dott.ssa T.
che è fra le persone che ritengo speciali
(e ne ho incontrate tante in questo anno di cancro)
e..... 
non vedo l'ora che venga organizzato il prox laboratorio...

Ps: da allora ho iniziato a scrivere , il laboratorio è come se avesse aperto una 
breccia nel muro all' interno del quale erano e sono racchiuse 
tutte le mie emozioni
che ora, come un fiume in piena, 
scorrono ...
ho aperto il blog
ho iniziato a scrivere quella che sarà la mia storia con il cancro
ho inviato un racconto ad un concorso
 ho in borsa sempre il mio quaderno 
sul quale scrivere...
insomma, in poche parole,
scrivo, scrivo e non mi fermo piùùùùùùùùùù

Annamaria


7 commenti:

  1. E non fermarti, bimba! ;)
    Chissà quante belle cose verranno fuori.
    Un abbraccio
    Susanna

    RispondiElimina
  2. Ti voglio bene, Annamaria ♥

    RispondiElimina
  3. Brava Annamaria. Sai mi fu consigliato anche a me di scrivere 6 anni fa per un grande dolore e non l'ho ancora fatto. Io credo che aver aperto questo blog sia non solo d'aiuto a te stessa, ma a tutte noi che passiamo di qui, perchè sei un meraviglioso messaggio di speranza, d'amore. Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  4. Toccante cio che hai scritto per mille motivi fra i quali il ricordo di quando scrivevo anche io senza poi avere il coraggio di rileggere...e quando mi capita quel quaderno che avevo rivestito e imbottito quasi a voler contenere e non far scappare il mio dolore, ancora adesso o forse piu di allora mi commuovo...forse perche le cose si modificano ma non sempre cambiano.

    Stupendo il loro gesto...stupendo non sentirsi soli.
    Debora

    RispondiElimina
  5. E' sempre utile riuscire ad esprimere quello che si ha dentro... : )
    Buona settimana! ; )

    RispondiElimina
  6. scrivere è liberatorio e non solo in queste situazioni ma anche in altre circostanze. io amo scrivere, quando sono incazzata quando sono triste quando sono felice. sempre. è un'arma potentissima che libera il cuore dalle angosce e dalle emozioni e aiuta a sentirlo più leggero. le parole sono li nero su bianco e ci aiutano a dare un senso o se non altro, un nome a ciò che proviamo.
    bellissimo post!
    Debora

    RispondiElimina
  7. spesso nn è facile esprimere a parole come ci si sente e questo esercizio lo è stato di sicuro e ti ha fatto capire dove trovare la strada giusta per sfogarti......e devi continuare così...nulla deve rimanerti dentro...per poter girare nuove pagine della vita.....baci.glo

    RispondiElimina