Guardavo fuori dalla finestra dell'ambulatorio, il cielo era di un azzurro emozionante, mentre l'oncologo mi spiegava i dettagli della chemio che avrei iniziato il giorno successivo... e pensavo a come fosse possibile un cielo di un azzurro simile in una giornata così grigia per me...

lunedì 10 agosto 2015

Kit in chemioterapia

Rovistando nell'armadio, oggi mi è capitata fra le mani la 
mia borsa rossa.
E il ricordo del periodo della chemioterapia di anno scorso
è saltato fuori dal cassetto dei ricordi.
Una volta a settimana andavo a fare le analisi
e, se i valori erano a posto,
il giorno dopo c'era la chemio.
Avevo il mio kit per quel giorno.
Maglietta nera a collo alto ma a maniche corte
per praticità avendo il Picc
e poi perchè solitamente con la terapia
avevo sempre caldo in DH,
pantaloni neri.
Sempre lo stesso abbigliamento non
immagino cosa abbia pensato chi,
per 18 mesi mi ha visto vestita allo stesso modo.
Era un mio modo per sentirmi a mio agio
in quella situazione
Avevo bisogno di continuità,
solo per la terapia perchè
nella vita , quella reale io sono tutto fuorchè abitudinaria.

Dunque , l'abbigliamento era quello, sempre lo stesso.

Poi c'era la mia borsa rossa.
Non so bene perchè mi comprai una borsa rossa
io ho sempre odiato il rosso
ma va a capire come, in certe situazioni , funziona la mente!!!!
E dentro c'era di tutto.
Le solite cose indispensabili ma poi
c'era il mio kit per la chemioterapia:
Bottiglietta d'acqua:non so perchè ma mi veniva il panico
se la dimenticavo, che poi a volte neppure la bevevo

 ipod con cuffiette: la musica preferita aiuta a scacciare pensieri cupi

 tre pacchettini di fazzoletti di carta: perchè spesso mi sanguinava il naso

il kindle, ma tanto poi facevo fatica a leggere il cervello si intorpidiva
 anche perché con l'antistaminico mi facevo delle dormite galattiche

il mio quaderno giallo smemoranda: per scrivere, sia mai che mi venisse in mente un'idea
e che sfuggisse se non avevo nulla su cui scrivere

cellulare : sempre ben carico perchè casomai avessero bisogno i miei figli...

Ritrovare questa borsa rossa nell'armadio è come essere  riportata indietro di un anno
guardo quanta strada ho fatto,  terapie, intervento
lo so che si pensa che dovrei , ormai lasciarmi tutto alle spalle
ma non ci riesco, il pensiero ritorna  sempre lì.

  

22 commenti:

  1. Non si inizia a pensare ad altro tutto in un momento, non preoccuparti. Lascia che il tempo faccia il suo lavoro. Piano piano i pensieri di quel periodo verranno soppiantati da aria nuova senza che tu nemmeno te ne accorga, ma ci vogliono anni. Non è pensabile che a distanza di un solo anno tu sia già riuscita a lasciarti tutto dietro. Chi ti dice che dovresti, non sa che significa. Come per tutti gli eventi traumatici della vita, da un lutto importantissimo ad una tragedia famigliare o un incidente che ti lascia segni per tutta la vita. Ricordare scrivendo serve ad elaborare, ma anche a prendere distanza. Fai bene a farlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e continuerò ancora a scrivere, almeno per un pò di tempo ancora

      Elimina
  2. Ne hai fatta di strada, certo...! Il pensiero ritorna, ma tu vai avanti.
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Io direi carissima collega, che ora quella borsa rossa la devi assolutamente riempire di tutt'altro ma comunque di cose che ti facciano piacere.
    Ben venga ipod con cuffiette, fazzolettini di carta, agenda per appunti al volo, cellulare ovviamente, ma anche e soprattutto per scattare qualche bella foto al volo.
    Una bottiglietta d'acqua perchè fa bene bere con il caldo e poi...giova alla cellulite. No, non dirmi che non ne hai affatto. Donna= cellulite, sempre :)
    Ed allora tu dirai che il contenuto è lo stesso di.."quella volta"? Certo. SEI TU CHE SEI COMPLETAMENTE NUOVA, nulla sarà più come prima ma questo non è un anatema.
    Viva la vita collega mia. Anzi, mi permetto..amica mia!
    Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Amica mia , viva la Vita!!!! Mi è stata ridata indietro ed ho intenzione di viverla tutta
      un bacio

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Ciao Azzurro Cielo, posso dirti che Susanna e Mamiga hanno ragione?
    Dimenticare tutto in un solo anno è impensabile. Ci vuole tempo tanto. Poco per volta, erò, gioro dopo giorno dimenticherai sempre un pochettino, ma poco eh, però lo farai.
    Quanto alla borsa rossa, come dice Susanna, riutilizzala mettendoci dentro qyello che ti piace perchè, lei sarà "quella borsa" ma tu non sei più "quella donna". Ora sei più forte!

    ps se poi mi dici che rossa così non ti piace, appiccicale delle applicazioni colorate o a fiori.... mettici dei pendagli che ad ogni passo facciano dlin dlin....

    pps se innvece mi dici che on hai cellulite,,, nonn ti parlo più prrrrrrrrrr ahhahaahahhahahahahah

    Un bacione enorme!|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. what's cellulite??? Ah ah ah ah ahah la conosco cara !

      Elimina
  6. ciao, io cambierei proprio la borsa.... il pensiero non deve tornare sempre lì, quindi compera qualche cosa che ti piace.
    Parlo io che salvo tutto, ahahah. Buon tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ih ih ih mi piaceva tanto la mia borsa, pure se era rossa. Non riuscirò a disfarmene, l'accantonerò ancora un pochino nell'armadio.
      Un bacio

      Elimina
  7. Forse hai usato una borsa rossa (che è un colore che non ti piace) per un senso di sfida. Sfida brillantemente superata! Comunque il rosso è il colore della passione e dell'energia. Adesso pensa solo a godere il presente. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse hai ragione. Nel periodo delle terapie più toste ho comprato più di una cosa di colore rosso e a me non è mai piaciuto e questo la dice lunga, no?!
      un bacio

      Elimina
  8. Non posso parlare del "dopo", perché ci sono ancora dentro in pieno, ma per quanto riguarda il lato abitudinario faccio esattamente lo stesso! Devo dire che non arrivo a vestirmi sempre allo stesso modo, ma a volte mi chiedo perché continuo a portarmi dietro sempre la stessa borsina piena di cose che poi puntualmente non uso...
    Mal comune...mezzo gaudio, dicono! Ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì Vale. Ti aspetto nel "dopo" per confrontarci e sono sicura che ci capiremo alla perfezione
      un bacio

      Elimina
  9. Non posso parlare del "dopo", perché ci sono ancora dentro in pieno, ma per quanto riguarda il lato abitudinario faccio esattamente lo stesso! Devo dire che non arrivo a vestirmi sempre allo stesso modo, ma a volte mi chiedo perché continuo a portarmi dietro sempre la stessa borsina piena di cose che poi puntualmente non uso...
    Mal comune...mezzo gaudio, dicono! Ahahah

    RispondiElimina
  10. Non posso parlare del "dopo", perché ci sono ancora dentro in pieno, ma per quanto riguarda il lato abitudinario faccio esattamente lo stesso! Devo dire che non arrivo a vestirmi sempre allo stesso modo, ma a volte mi chiedo perché continuo a portarmi dietro sempre la stessa borsina piena di cose che poi puntualmente non uso...
    Mal comune...mezzo gaudio, dicono! Ahahah

    RispondiElimina
  11. Ti ho risposto ... da me, così mi vieni a trovare nel bosco dove si sta bene ed al fresco.

    La borsa rossa lasciala pure dentro l'armadio, tra le vecchie fotografie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono passata da te, è un posto dove ci sto bene e spero mi ospiterai per altro tempo.
      Armadio chiuso a chiave!

      Elimina
  12. Ciao Azzurrocielo, vedo solo ora il tuo post, bella la scelta della borsa rossa accesa, è come se intorno a te in quel momento volevi solo colori sgargianti che allontanavano la tristezza, tra l'altro visto che vestivi sempre di nero non era certo esagerata. Dal tuo racconto deduco che in quel momento, ti servivano punti fermi, ma si percepisce anche una grande forza, Tu stessa ammetti che hai già fatto da allora, molta strada, prosegui così, credo non si possa dimenticare, ma si può ancora godere di ciò che ci regala, giorno per giorno, la vita. Un forte abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si come dico spesso, la Vita mi è stata ridata indietro e me la voglio vivere tutta al meglio che posso, un grande abbraccio anche a te!

      Elimina
  13. Fantastica Annamaria!!!! Un mito....

    RispondiElimina