Guardavo fuori dalla finestra dell'ambulatorio, il cielo era di un azzurro emozionante, mentre l'oncologo mi spiegava i dettagli della chemio che avrei iniziato il giorno successivo... e pensavo a come fosse possibile un cielo di un azzurro simile in una giornata così grigia per me...

sabato 15 agosto 2015

Happiness is a journey ....


Happiness is a journey
not a destination.

Santo cielo, quanto mi piace questa frase!
L'ho trovata sulla copertina del quaderno
che mi ha regalato Pia conosciuta 
al laboratorio di scrittura Sentieri di Parole
ed è veramente per me.
Mi calza come un calzino .

Perchè è nelle piccole cose che 

si incontrano 
lungo il cammino
che sta la felicità.

In realtà ero sempre attenta ad apprezzare le piccole cose

e quindi ogni cosa era motivo di gioia

Poi c'è stato lui, il K il cancro
e qualcosa è cambiato.
Ora c'è l'incubo della Paura che torni
o che ci siano silenziose e nascoste metastasi
e che non ce ne accorgiamo
tuttavia io
  sostanzialmente 
nel cammino 
apprezzo ciò che incontro.
E tanto.
Incontrare il cancro
è un'esperienza traumatica
ma.....

incontri tante persone speciali

medici speciali

infermieri e infermiere speciali

persone che condividono con te il cammino
e che diventano persone speciali

E la lumachina
nel suo lento camminare 
è grata alla Vita 
per tutto quello che incontra
immagine dal web

28 commenti:

  1. La saggezza di questa lumachina è tanta!
    La frase che hai citato poi....la sento molto mia anche io, davvero :-)
    Un abbraccio forte forte!

    RispondiElimina
  2. Una frase che amo da molti anni viene da un testo degli Aerosmith e dice "life's a journey, Not a destination".
    Non è tanto distante dalla tua ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è distante, molto bella anche questa

      Elimina
  3. Una frase che amo da molti anni viene da un testo degli Aerosmith e dice "life's a journey, Not a destination".
    Non è tanto distante dalla tua ;-)

    RispondiElimina
  4. È' con i viaggi lenti che si assapora maggiormente il viaggio ogni singola tappa...ogni buca...ogni svolta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì, pianin pianino si assapora meglio. Ciao cara!

      Elimina
  5. Lento pede...ma si arriva sempre, eh?
    La lumachina mi piace, con il suo robusto e coriaceo rifugio dove rintanarsi, in caso di attacco nemico!
    E purtroppo le minacce arrivano, quando meno te le aspetti ed anche quando ci si sente immuni o comunque lontani.
    Un abbraccio e buona domenica
    Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sempre all'erta! Come ci siamo scritte una volta!

      Elimina
  6. Condivido, carissima Annamaria, la tua filosofia delle piccole cose.
    La tua vicenda personale rende questo sentire ancora più profondo e intimamente partecipato.
    Un caro saluto
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono esperienze nella vita che ti cambiano e anche tanto

      Elimina
  7. Ciao AzzurroCielo, sono d'accordo con te.
    E'nel piccolo che si trovano grandi e piccole felicità. Bisogna solo cercarle. Vederle.
    Quando hai un incontro con il K, come lo chiami tu, o il bast@rdo come lo chiamo io, ti accorgi che quando guardi il cielo non vedi nuvole brutte. Le vedi nere perchè lo sono ma anche in loro trovi qualcosa di bello. Una sfumatura, la forma, l'odore che emanano.
    Divneta quasi automatico apprezzare cose che prima non si notavano.
    E' un'esperienza anche questa... lo so, ne avremmo fatto volentieri a meno però ci ha fatto capire tante cose. Ad esempio anche su chi possiamo fare conto e su chi no... ed è importantissimo. Scoprire che di certe persone non ci si può fidare è terribile ma è compensato dalla felicità di scoprirne altre che invece sono sempre preseti e pronte.
    O ritrovare una foto che non ci ricordavamo neppure più... vederci con venti trent'anni di meno, un'acconciatura buffa, un trucco scemo.... e riderci sopra.
    Anche questa è una piccola grande felicità
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido tutto quello che hai scritto cara!

      Elimina
  8. A proposito di un articolo che hai scritto poco tempo fa sul senso delle frivolezze della vita mi è venuto in mente una canzone della bravissima e bellissima Anastacia. Stupid Little Things che oltre a essere una bellissima canzone vuole dare un significato a chi l'ascolta. Ovvero di dare il giusto peso a quelle stupide piccole cose della vita e della giornata. Dal traffico intenso la mattina, ai caffe macchiato male al bar. Ecco non possiamo ignorare queste piccole stupide cose perche siamo umani ma di dare a queste SLT il giusto peso perche quello di realmente importante e la famiglia, gli amici (quelli veri). Avere una persona che ci ama...

    RispondiElimina
  9. c'è da dire che il cancro ti dà una grandissima opportunità: conoscere persone speciali, quello si, che ti allietano le giornate. Grazie Annamaria....

    RispondiElimina
  10. Cara, io ero una lepre quando lavoravo ed ero sempre nervosa, arrabbiata, insoddisfatta. Con la pensione sto imparando ad essere lumachina perchè solo con la lentezza posso assaporare la bellezza delle piccole cose, dell'attimo che vivo, come questo mio che passo nel commentarti e mi sento felice di stare con te anche se solo virtualmente. E poi c'è la sofferenza che unisce che ci fa comprendere il vero significato della vita, il vero scopo, quello d'amare...
    Ed allora posso dire che ti voglio bene? <3
    Baciobacio cara

    RispondiElimina
  11. La felicità sta nelle piccole cose di ogni giorno, ogni piccolo gesto è bellezza di cuore!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, è così ma non sempre è facile ricordarsene

      Elimina
  12. Quanto tempo ...
    http://basadone.blogspot.it/2010/05/111-la-lumachina.html

    RispondiElimina
  13. Non ti lascio nessun messaggio particolare... solo un grosso abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Da queste parti un abbraccio è sempre apprezzato!
      Ricambio l'abbraccio

      Elimina
  14. Mi permetto di contribuire, parlo di dolore ma anche di riscatto, di improvviso blocco e ripartenze. Sentimenti comuni e comune sentire: http://massimilianoriccardi.blogspot.it/2015/07/della-morte-del-padre-riflessioni.html

    RispondiElimina
  15. E' tanto che dovevo passare qui da te ... Il tuo primo commento non mi era sfuggito, ma a volte non arriva il momento opportuno e non per disinteresse. Come te la mia famiglia ha conosciuto questo nemico subdolo che è il cancro, è arrivato all'improvviso con tutta la sua furia devastante e distruttrice, ha mietuto le sue vittime sacrificali ed è andato via almeno per il momento, quindi il mio sorriso più grande per il tuo cielo che, nonostante le tempeste, splende di un meraviglioso azzurro che tanto amo. Buona domenica Azzurrocielo e lieta di conoscerti !

    RispondiElimina