Guardavo fuori dalla finestra dell'ambulatorio, il cielo era di un azzurro emozionante, mentre l'oncologo mi spiegava i dettagli della chemio che avrei iniziato il giorno successivo... e pensavo a come fosse possibile un cielo di un azzurro simile in una giornata così grigia per me...

martedì 17 novembre 2015

TU......SEI TANTE COSE di Federica Calzolari

Ho letto più di qualche libro
scritto da chi il cancro lo ha vissuto.
Ognuno vive questa esperienza 
in modo diverso, questo si sa
ed ognuno ne scrive in modo diverso.

Ecco, proprio questo è il libro di Federica.
"Tu ...sei tante cose"
è un libro scritto " diverso"
è un libro da cui  anche solo a sfogliarne
le pagine 
ne esce Positività.
Ho conosciuto di persona Federica
ad una serata di presentazione del suo libro
ed è proprio come l'avevo immaginata.

 E la straordinarietà delle parole scritte
mi stupisce sempre.
Si può leggere una frase che 
a chiunque
potrebbe sembrare una frase e basta
cioè per quello che è scritto. Punto.
Ma
spesso dietro una frase di poche parole c'è un mondo
fatto di tante emozioni
speranze, paure e anche gioie.
E nel libro di Federica
c'è tutto un mondo dietro ai "pensieri sparsi"
che possono sembrare
sensazioni o brevi cronache di momenti vissuti.
Sta alla sensibilità di chi lo legge 
"leggere" quello che sta dietro, 
condividere quel "mondo" che accomuna
chi il cancro lo ha incontrato
e combattuto.

Leggendo questo libro ho pensato molto al titolo.
"Tu ....sei tante cose"
quel "tu" inteso come persona
con le mille sfaccettature della personalità
con la quale si affronta la Vita,
ma l'ho pensato anche come se quel "tu" fosse riferito 
al cancro, perchè anche "lui", il cancro
è... tante cose.


 "vivi guarda sorridi
....
guarda oltre la profondità del mare
già senti la vita..."

perchè "Tu ... sei tante cose"

dal libro di Federica Calzolari






10 commenti:

  1. Hai ragione, Azzurrocielo. Tutti siamo tnate cose, Anche il cancro.
    E credo che tutto sommato, in fondo inf ondo, negativo al 100% non lo sia. Mi spiego perchè detta così sembra una oscenità.
    Il cancro cambia, distrugge, a volte uccide, Spesso uccide, Però a pensarci sopra, chi lo ha provato sulla sua pelle sa che ci permette di vedere oltre. Di pensare oltre, Di capire oltre. Ci fa navigare in mari in tempesta che solo ogni tanto si calmano. Ci fa intravedere isole che nonn sai se sono isole veramebne o miraggi.
    Ma in questo lulngo e doloroso viaggio ci mette in contatto con un noi stessi così profondo e intimo che nemmeno conoscevamo. Ci toglie le forze e ci dà la forza. Ci toglie il buonuomore ma a volte ci regala il sorriso per cose così piccole che in un altro momentno non avremmo nemmeno notato.
    Meglio sarebbe non passarci ma visto che lo abbiamo incontrato sulla nostra strada, facciamone una forza per noi e per chi ci sta intorno. Non odiamolo. Approfittiamo di lui per capirci e capire.
    Ciao bella, Un bacione!

    RispondiElimina
  2. Wow Patricia!!!!! Ci credi se ti dico che avrei potuto scrivere io quello che hai scritto tu?! E' proprio così. Una mia amica dice che l'incontro col cancro è stato il periodo più brutto e più bello della sua vita. Ed è proprio vero.
    un abbraccio!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Splendida e carica di emozioni quella frase finale di Federica Calzolari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì e poi ne ho scritto solo una parte

      Elimina
  4. Citando quanto afferma Veronesi in una intervista che ho letto di recente "Chi supera bene un è una persona più evoluta, completa, che contribuisce allo sviluppo intellettuale della società e affronta meglio il senso della vita." Ecco io credo che sia soprattutto il senso della vita che si afferra quando si supera una malattia come il cancro, perché sembra toglierti molto all'inizio, ma quello che resta dopo aver combattuto e vinto è una forza e una consapevolezza straordinari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia, non avresti potuto descrivere meglio quello che avevo lasciato sottinteso nel post. Grazie

      Elimina
  5. ho letto il tuo post e i commenti....grazie....io sono stata sempre il Sancio Panza di chi ha combattutto, chi ha vinto e chi ne è uscito perdente dai suoi "mulini a vento" e credo in quello che volete dire tu e Giulia e questa frase di Federica....così piena da contenerne tante...attira alla lettura di questo libro...grazie, lo cercherò....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Gloria in tutto il tempo in cui ho aperto il blog tu ci sei sempre stata e questo, soprattutto questa mattina vuol dire tanto per me. grazie!

      Elimina
  6. vero ,noi siamo tante cose ..siamo un sorriso a volte ..una lacrima ,spesso.. arrabbiate ,a volte ...la malattia,a volte /spesso...
    un caleidoscopio di sensazioni , sentimenti ,paure ..
    ma siamo!! tu sei!!
    questo è da tener sempre presente
    un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a dispetto di quando la malattia ti trasforma fisicamente ti trasforma psicologicamente noi siamo!

      Elimina